Bollinger cambia la bottiglia

nuova bottiglia Bollinger
Era nell’aria da un po’ di tempo, ma per rispetto dell’ufficializzazione da parte dell’importatore italiano ho preferito aspettare un po’ a parlarne.
Ma ora ci siamo: Bollinger esordisce con una nuova bottiglia, per ora riservata alla sola Special Cuvée, ma che si estenderà a seguire (man mano che le bottiglie termineranno la maturazione sui lieviti, ovviamente…) a tutta la gamma. La Special Cuvée, recensita nella guida “Grandi Champagne 2012″ non è semplicemente il brut sans année di Bollinger, ma addirittura il simbolo di questa maison, “lo champagne – come mi dissero in Bollinger – che ci permette di vivere e prosperare“, visto che conta oltre i 2/3 della produzione totale (2 milioni di bottiglia su circa 2 milioni e ottocentomila).

nuova bottiglia Bollinger
Ecco come cambia la bottiglia da Bollinger: a sinistra quella usata finora, a destra la nuova.

Così, ora, la Special Cuvée non è più racchiusa nella classica champagnotta, bensì in una bottiglia più panciuta e con il collo più fino che ricorda a grandi linee quella di Krug e di Bruno Paillard (in proposito, ad agosto si è parlato molto di un aspro confronto tra la maison di Aÿ e monsieur Bruno per via della paternità della forma della bottiglia).

Nuova bottiglia che si rifà a quella storica del 1846
La nuova bottiglia si rifà a quella storica del 1846 (neanche 20 anni dopo la fondazione) e sarà proposta in quattro formati, dalla demi alla jeroboam. Il cercine (la sommità del collo) è stato ovviamente ridisegnato per accogliere anche i tappi a corona.

 

i vantaggi della forma della nuova bottiglia Bollinger
Il grafico mostra, secondo Bollinger, i vantaggi della forma della nuova bottiglia in termini di rapporto tra vino e gas interno, il cui optimum si trova nella magnum, sia champagnotta sia 1846. La bottiglia 1846 si avvicina molto a questo optimum.

 

Base più ampia e collo più stretto sono le linee guida del design della nuova bottiglia,
Base più ampia e collo più stretto sono le linee guida del design della nuova bottiglia, definita “petit magnum”. Man mano dovremmo vederla anche con le altre etichette Bollinger.

Per Bollinger si tratta di un ritorno alle origini, visto che la nuova bottiglia è la replica di quella che fu utilizzata già nel 1846 e che ora sarà riproposta nei formati demi-bouteille (0,375 ml), bouteille (0,75 ml), magnum (1,5 l) e jeroboam (3 l), anche se naturalmente la sommità del collo (cercine) è stata ridisegnata in modo da accogliere anche i tappi a corona.

Va bene, ma perché cambiare? Le ragioni sono più tecniche che estetiche… Spiega, infatti, lo chef de cave Mathieu Kauffmann che l’obiettivo era quello di replicare una “piccola magnum“, quindi di ricercare l’ottimale ratio tra vino e gas, ma anche di far penetrare più lentamente l’ossigeno all’interno (quindi minore ossidazione) visto che il collo, con i suoi 26 mm di diametro, è più sottile. Il grafico pubblicato sopra sintetizza proprio questo discorso tecnico, dimostrando come il ratio di questa nuova bottiglia si avvicini a quello ideale dell’attuale magnum champagnotta e dell’antica magnum Bollinger.

Per la cronaca, ecco un confronto schematico delle varie misure:

Ø collo Ø base ratio
champagnotta 29 mm 85 mm 0,34
magnum 29 mm 115 mm 0,25*
bottiglia 1846 26 mm 93 mm 0,28
magnum 1846 29 mm 118 mm 0,25*

*= ratio migliore

Infine, ci sono anche e certamente motivazioni estetiche alla base di questo importante cambio, visto che la base più ampia e il collo più sottile danno vita a una bottiglia più elegante, quindi con maggiore visibilità, complice anche la novità intrinseca. Anche perché è stato rivisto pure l’habillage, con la scritta “Bollinger” sulla coiffe ed etichette e fregi adesivi, che, quindi, eviteranno l’impiego di colle.

Aspettiamo di vedere le prime nuove bottiglie in Italia e le altre etichette a seguire (la nuova bottiglia dovrebbe estendersi in successione a Rosé, Grande Année, R.D. e, infine, Vieilles Vignes), nonché la risoluzione delle polemiche (se effettivamente ci sono state, speriamo si risolvano al meglio tra gentiluomini, perché in champagne sanno tutti di avere un tesoro comune…) e l’opinione tecnica degli altri chef de cave. Vi terrò informati!

Gli champagne Bollinger sono distribuiti in esclusiva da:
Meregalli Giuseppe – tel. 039/2301980 – www.meregalli.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *