Dom Pèrignon e Heinz Beck: un’esperienza indimenticabile

verticale dom perignon

(I PARTE)

Ritengo Orazio, amico di Milano, uno dei più grandi appassionati di vino che conosca e, ovviamente, lo champagne ha un posto speciale nel suo cuore. Ebbene, circa un mesetto fa mi contatta con un’idea davvero niente male: vedersi insieme ad altri tre amici appassionati (Roberto, Stefano, ideatore della serata, e Marco) e mettere su una propria, piccola verticale di Dom Pérignon. In altre parole, ciascuno va nella propria cantina e seleziona qualche bella bottiglia di questo grande champagne. Bene, neanche inizio a pensare dove poter degustare nel migliore dei modi questi Dom Pérignon che Orazio mi anticipa e mi dice che Marco ha già la soluzione ideale: La Pergola, il celeberrimo ristorante 3 stelle Michelin di Roma regno del mitico Heinz Beck. Il vantaggio è duplice: oltre ad accompagnare i Dom Pérignon con piatti d’autore, godremo di un “wine service” di prim’ordine curato dal grande e non meno simpatico Marco Reitano.

Bene, ecco il racconto fotografico, con piccole didascalie, di quella che è stata un’esperienza unica, indimenticabile, emozionante… Già, perché ci siamo fatti prendere un po’ la mano e le bottiglie son diventate ben 11+1, mentre il menu è finito per essere, ancora su idea di Marco, non il classico degustazione, ma addirittura quello celebrativo dei 20 anni di Heinz Beck a La Pergola…

Dom Pérignon Vintage 2004

Per iniziare, nell’attesa di accomodarsi, o meglio, come aperitivo per “farsi la bocca”, non poteva mancare un Dom Pérignon Vintage 2004 (la bottiglia +1 oltre le 11 storiche…). Beh, più bevo questo champagne e più lo ritengo uno dei capolavori di Richard Geoffroy: eleganza e piacevolezza.
Voto: 94/100

 

Marco Reitano

Nonostante sia abituato a bottiglie top, Marco Reitano è certamente ben contento di gestire questa bella verticale di Dom Pérignon…

 

vintage 2002

Inizia la verticale vera e propria con una prima batteria di quattro Vintage aperta dal 2002. Lo champagne ha una lunghissima strada davanti a sé, ma dimostra una crescita notevole nel corso degli ultimi due anni. È giustamente dolce, polposo al limite del concentrato, pervaso da un agrume da grande Chablis. Piacevolissimo.
Voto: 94/100

 

vintage 1996

Passiamo al Vintage 1996, ma… accidenti, la bottiglia è bouchonnée! Peraltro si tratta di un tappo infido, molto fastidioso al naso, ma meno presente in bocca. Così riusciamo a percepire comunque la magnificenza di uno dei migliori Dom Pérignon di sempre, al quale tributai quasi il massimo: 99/100, in questa degustazione di millesimati 1996.

 

Vintage 1988

È la volta di un grandissimo, il Vintage 1988. Naso spettacolare per un vino profondo e complesso. Bocca ricchissima, piacevolmente dolce, incredibilmente fresca, valorizzata da una bollicina a dir poco splendida. Persistenza infinita. Una bottiglia imperdibile.
Voto: 98/100

 

Vintage 1985

La prima batteria si chiude con il Vintage 1985. Naso spesso e fitto, forse un po’ serrato, quindi non così immediatamente espressivo come ti aspettersti. Bocca morbida e dolce, gradevolissima al limite del ruffiano, ma è senza dubbio uno champagne eccellente! Grande freschezza ed eleganza rimarchevole. Magari ad averne…
Voto: 97/100

 

Ricciola marinata all’aceto balsamico bianco con neve di melograno

Nel frattempo, dopo il benvenuto dello chef, è iniziato alla grande il menu del ventennale, magistralmente orchestrato dal maître Simone Pinoli. Si parte con “Ricciola marinata all’aceto balsamico bianco con neve di melograno”.

 

Ricordo di frisella con tartare di gamberi rossi

Segue un piatto incredibile: “Ricordo di frisella con tartare di gamberi rossi”.

 

Capesante affumicate e guscio di barbabietola

Heinz è un genio, i suoi piatti sono concreti, gustosissimi, eleganti: “Capesante affumicate e guscio di barbabietola”.

 

degustazione champagne dom perignon

Nel frattempo si è accesa una simpatica discussione se sia meglio il 1988 o il 1985. Per carità, quest’ultimo è grande, grandissimo, ma il 1988 rimane un gradino più in alto…

 

piatto Giardino d’acqua…

Il menu prosegue con il “Giardino d’acqua…”, forse il piatto che mi ha colpito meno.

 

Œnothèque 1996

Parte la seconda batteria, che si basa solo sugli Œnothèque, tra 2ème e 3ème plénitude. Si inizia con il 1996, uno dei capolavori di Richard: grasso, tostato, non semplicemente fresco ma energico. Bocca vivace, polposa ma dinamica per via dell’energia che si fa addirittura esplosiva. Senza mancare un solo istante di eleganza, beninteso. La conferma di un mito.
Voto: 99/100

 

Œnothèque 1990

È la volta del 1990 troisième plénitude, ma con un dégorgement diverso rispetto a quello che assaggiai qualche tempo fa con Richard (2013 anziché 2006). Mamma mia! Marco Reitano parla di “perfezione” e, in effetti, il naso è fresco, opulento, elegantissimo. La bocca è fine, gustosa e sapida, con una bollicina assolutamente perfetta. Soprattutto, è un vino di precisione assoluta. Irresistibile. Il mio primo 100 su 100.
Voto: 100/100

 

Œnothèque 1990 deuxième plénitude

Il terzetto si chiude con il 1990 deuxième plénitude. Sembra (e, in effetti, è…) il fratello minore del precedente, con un naso più grasso e pervaso da note di torrefazione. Bocca elegante e in splendida forma, in perfetto equilibrio tra concentrazione e freschezza. Forse andava assaggiato prima dell’altro…
Voto: 97/100

 

Tortellini di cappone con puré di zucca, salsa al Grana Padano e tartufo bianco d’Alba

Nel frattempo ci è arrivato un piacevolissimo fuori programma dello chef: “Tortellini di cappone con puré di zucca, salsa al Grana Padano e tartufo bianco d’Alba”. Gustosissimo!

La prima parte del racconto si chiude qui. Lunedi prossimo la seconda parte di questa esperienza unica, che vedrà altri piatti storici di Heinz Beck accompagnare il Dom Pérignon fino al Vintage 1947!

0 commenti su “Dom Pèrignon e Heinz Beck: un’esperienza indimenticabile”

  1. Carissimo Alberto la seguo sempre con molto piacere e interesse….e questa volta anche con sorpresa!! Il primo 100/100!! Ma come farà adesso?? È crollato un mito…non si potrà più salire insomma, abbiamo toccato l’apice assoluto

    1. Grazie!
      Beh, prima o poi doveva succedere, visto anche che l’amo Richard Juhlin di 100/100 ne ha dati più d’uno, se nn ricordo male. Ecco, forse non me lo aspettavo cos’ presto, ma – mi creda! – quello champagne mi ha lasciato a bocca aperta. Come detto, lo avevo già assaggiato con Richard Geoffroy e addirittura in magnum (http://www.lemiebollicine.com/2558-dom-perignon-oenotheque-1990-il-migliore/) però 7 anni in più sui lieviti hanno reso quello che era uno champagne eccezionale fantastico, unico, pazzesco. Confesso che a tributare i 100/100 ha pesato anche il parere di Marco Reitano che, nonostante di grandi champagne e di Dom Perignon ne abbia stappati diversi a La Pergola, era anche lui senza parole. Insomma, dovevo darli quei 100/100 e… mi fa piacere averli finalmente dati!

      1. Benissimo così allora! Le confesso che lo attendevo con curiosità….da amatore con un gruppo di amici accomunati dalla passione smisurata per le bollicine ma limitati dallo scarso portafoglio (ahimè queste delizie purtoppo hanno prezzi proibitivi) il suo blog e i suoi racconti ci permettono per lo meno di sognare!! Grazie e buonaserata.

        1. Grazie a lei!
          Il mio obiettivo è esattamente quello: raccontare certe esperienze, cercando di farle vivere, ben sapendo, purtroppo, che molto difficilmente saranno ripetibili per i più. Fermo restando che tutto questo è finalizzato ad appassionare i più allo champagne, vino che Sto arrivando! essere veramente magico anche con etichette meno preziose.
          Insomma, è un po’ come quando si legge appassionatamente la recensione di una Ferrari, salvo poi guidare una vettura ben più “piccola”…
          Nella speranza che tutti, un giorno, possano guidare una Ferrari!
          Ecco, questo è il mio augurio, con la Ferrari e… i grandi champagne.

  2. Buonasera . Ho appena acquistato una Oenoteque 1996.
    Ho notato solo ora che l’etichetta e’ diversa nelle scritte rispetto a quella che ha pubblicato Lei nella degustazione di cui sopra.
    C’è scritto Dom Perignon e non Don Pierre Perignon.
    Subito sotto Altum Villare e non App.1668.
    In pratica la mia 96 e’ uguale all’oenoteque 1990 del vs servizio.
    Non avrò preso una sola??
    Pippo

    1. No stia tranquillo. Da un annetto, Dom Pérignon ha nuovamente modificato le scritte in etichetta e ora sono quelle che ha trovato lei. Pertanto, il suo OE 1996 è uno degli ultimissimi messi sul mercato e, allo stesso, anche il 1990 3ème plénitude è un dégorgement molto recente (2013), quindi ha anche lui l’etichetta “nuova”.
      Saluti

      PS: ottimo acquisto!

  3. La ringrazio molto.
    Ora l’unico dubbio che mi rimane è:
    Berlo subito o lasciarlo riposare qualche anno in cantina.
    Saluti
    P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *