Una grande annata secondo Pascal Agrapart

Ci sono nomi in champagne che hanno acquisito una tale fama, persino un’aurea mitica, che non hanno certo bisogno di presentazioni. Uno di questi è senza dubbio Pascal Agrapart, “le pape du Chardonnay” per il suo amico Fabrice Gass, un produttore d’eccezione per chi scrive, ma anche uno del ‘terzetto magico’ di Avize, insieme ad Anselme Selosse ed Erick De Sousa. Ecco, i tre hanno stili profondamente diversi nell’interpretare lo Chardonnay, ma sono tutti e tre dei veri geni. Il grande Pascal Agrapart nella sua cantina.

Continua a leggere

La strana storia del (eccellente) Jacquesson 1969

In occasione dell’anteprima della Cuvée 736 DT, ho parlato dell’ultima visita da Jacquesson come di un’esperienza straordinaria. Straordinaria per l’accoglienza, straordinaria per le anteprime esclusive, alcune delle quali saranno nella prossima edizione della guida Grandi Champagne (a proposito, la promozione della Limited Edition scade tra meno di 20 giorni!) dopo che i fratelli Chiquet avranno deciso tra 2008 e 2009, straordinaria anche per le altre bottiglie che i due hanno generosamente deciso di offrire ai presenti, tra grandi vini e vecchie annate di Jacquesson.

Continua a leggere

Il Ruinart che non conoscete

Lo dico subito: lo champagne che vado a presentare non è importato in Italia e non lo è mai stato. Non so perché, ma è così da sempre per una precisa scelta della stessa maison. Però, poiché mi sembra giusto raccontare, anche solo a livello di curiosità, le varie sfaccettature del panorama champenoise, eccolo qua. Anche perché non lo troverete, per ovvi motivi, nella prossima edizione della guida Grandi Champagne, dove invece sarà recensita la gamma attualmente sul mercato e… pure una sorpresa in anteprima.

Continua a leggere

Jacquesson Cuvée 736: è in arrivo l’attesissimo DT!

Gli champagne Dégorgement Tardif hanno da sempre rappresentato un piccolo tesoro in casa Jacquesson, trattandosi di vecchie bottiglie rimaste più a lungo sui lieviti. Quando Jean-Hervé e Laurent Chiquet lanciarono questa linea, scelsero ovviamente bottiglie antecedenti al loro ingresso campo (1988), ma da allora in poi sono man mano arrivate le loro creazioni, quindi Avize e Millésime. Almeno fino al 2014, quando a sorpresa i due fratelli hanno presentato una novità in seno alla linea DT, la Cuvée 700 in questa particolare riedizione.

Continua a leggere

Carbonara: ecco la ricetta della migliore (e 3 champagne in abbinamento)

Quando devo valutare la qualità di un ristorante romano, dove magari mi hanno portato decantandone mirabilia, sapete cosa ‘uso’ come cartina da tornasole? La Carbonara. Se è ottima, sarà di livello più che buono anche tutto il menu, diversamente… Infatti, in teoria questa pasta romana è un piatto molto semplice, con pochi ingredienti, ma in realtà è difficile da fare, ancor più difficile da fare molto bene, perché servono abilità e sensibilità.

Continua a leggere

Piena estate e voglia di blanc de blancs? Ecco cinque consigli!

È scoppiata l’estate, addirittura prima del previsto e con maggiore intensità. Quindi nei weekend si scappa al mare, soprattutto si organizzano aperitivi e cene con gli amici, meglio se all’aperto. Può mancare lo champagne? Certo che no, accidenti! Allora ecco cinque consigli particolarmente validi e pure a buon mercato (entro i 65-70 euro: ricordate che lo Chardonnay è pur sempre l’uva più cara in Champagne!) per altrettante occasioni, tutte a tema blanc de blancs, perché l’eleganza di questo tipo di champagne, la sua freschezza, il suo carattere sposano con particolare felicità la stagione estiva.

Continua a leggere

Philipponnat Clos des Goisses 2000: il ritorno…

Degustazione per la prossima edizione (2018-19) della guida Grandi Champagne, è il turno di Philipponnat. Grazie a Charles e a Nicoletta abbiamo assaggiato diverse anteprime esclusive, degorgiate appositamente per noi, ma anche una versione particolare dello champagne di punta della maison: il Clos des Goisses 2000 “L.V.”, dove queste due lettere stanno per ‘Long Vieillissement’. Si tratta, pertanto, di un dégorgement tardif di questo grande champagne.

Continua a leggere

Anteprima: arriva il Dom Pérignon P2 2000!

Il Vintage 2000, primo Dom Périgon del nuovo millennio, ritorna dopo 10 anni come Plénitude Deuxième. Il 2017 è un anno a dir poco… spumeggiante per Dom Pérignon. Infatti, dopo il debutto ufficiale del Rosé 2005 è la volta delle altre etichette: in autunno vedremo il Vintage 2009 (anche se è arrivato in sordina in magnum, ma per le bottiglie bisogna aspettare. Com’è? Eccezionale, ma lo troverete nella prossima edizione, della guida Grandi Champagne), mentre ora arriva l’atteso P2 2000.

Continua a leggere