Nuova bottiglia per Roederer

La bottiglia di Louis Roederer, nel caso l’eccellente non millesimato Brut Premier, com’era fino a qualche mese fa: forma tradizionale e colore tipicamente verde. I più attenti avranno già notato che da qualche mese le bottiglie degli champagne Louis Roederer sul mercato sono di colore diverso: non più verdi, come tradizione champenoise, bensì marroni. Il tutto, ovviamente, a eccezione del Cristal, che rimane trasparente.

Continua a leggere

L’ultimo Deutz: Cuvée William Deutz Rosé 2002

Terza e ultima puntata sulle novità Deutz per quest’anno e, come annunciato qui, è la volta della Cuvée William Deutz Rosé 2002. Il villaggio Grand Cru di Aÿ, nella Vallée de la Marne, dove ha sede Deutz. Che è la declinazione in rosa dell’etichetta di punta della maison, creata per omaggiare il fondatore.Ma, a differenza di questa, la rosé è prodotta con sole uve Grand Cru, quindi senza Pinot Meunier come il fratello blanc.

Continua a leggere

Luca Cuzziol: intelligenza, intuito, passione

Luca Cuzziol, veneto, è l’anima dell’azienda omonima, ma soprattutto un appassionato conoscitore del vino e delle dinamiche di mercato. Per gli appassionati di champagne, Luca Cuzziol è sinonimo di Bruno Paillard, lo champagne che importa in esclusiva in Italia al fianco di altri due piccoli produttori davvero interessanti. Ma il nome Cuzziol significa oggi una delle più belle realtà di distribuzione vinicola in assoluto, non solo per via di un portafoglio di eccellenza, ma soprattutto per come si è arrivati alla selezione di questi produttori e come vengono poi valorizzati.

Continua a leggere

Mumm sposa Apple

No, non è la notizia dell’accordo societario del secolo, bensì, più semplicemente, che anche la maison di Reims ha ceduto al fascino (e alla praticità) del sistema iOS della casa di Cupertino, quindi dei suoi iPhone e iPad. Arriva così su iTunes Store, tra le “app” per entrambi i dispositivi, Chamagnes Protocoles de G.H. Mumm, gratuita e in italiano. Non è una novità in senso assoluto, ma lo è invece per il nostro paese, nel quale non solo esordisce , ma lo fa con la nuova release 1.3.

Continua a leggere

Anteprima Comtes de Champagne Rosé 2005: caspita quanto è buono!

Bottiglie di Comtes de Champagne Rosé assaggiante insieme alla famiglia Taittinger nella loro splendida proprietà dello Château de la Marquetterie. Avevo presentato qui il Taittinger Comtes de Champagne 2002, annunciando anche che a seguire sarebbe arrivata la versione omologa in rosa. Ebbene, ecco il Comtes de Champagne Rosé 2005, anch’esso in anteprima mondiale. Questo eccellente champagne è uno dei primi rosé tra le cuvée de prestige, nato con la vendemmia 1970.

Continua a leggere

Consiglio champagne, e provate a dire di no…

Vero, troppo facile consigliare uno champagne di qualità quando questo costa 60, 80 o 100 e passa euro, il difficile, invece, è trovarne uno che costi una cifra ben più contenuta e sia anche buono. Ma buono per davvero, quindi capace perfino di emergere su una scala assoluta, ovvero di andare ben oltre la seppur valida definizione di “value for money”. Utopia? Forse, ma ecco la classica eccezione che conferma la regola: Guy de Forez Réserve. Come vedremo a breve, è uno champagne eccellente e costa tra i 30 e i 32 euro.

Continua a leggere

Ancora novità da Deutz: Extra Aged e Amour 2003

Il 2012 si preannuncia particolarmente brillante per Deutz. Infatti, arrivano non solo le nuove annate di etichette classiche, ma anche altre inedite, come l’Extra Brut di cui ho parlato da poco qui o questo singolare Extra Aged millesimato 2000, lanciato in quantità limitata. Si tratta, infatti, del Brut Millésime 2000 (un classico assemblage champenoise a prevalenza di Pinot Noir: siamo pur sempre ad Aÿ…) tenuto a maturare dopo il dégorgement ulteriori sette anni nelle caves della maison, quindi in condizioni ottimali.

Continua a leggere

Taittinger Comtes de Champagne: 2002 in anteprima mondiale!

Tra i grandissimi champagne, quelli che abbinano la natura di grande vino a un’aurea mitica, ce n’è uno che meriterebbe maggiore attenzione.È il blanc de blancs di punta di Taittinger, il Comtes de Champagne, creato da Pierre nel 1952 (e poi lanciato nel 1957) per onorare i Conti di Champagne, che diedero grande benessere alla regione intorno all’anno 1000 e la cui residenza fa parte da tempo delle proprietà Taittinger.È uno champagne d’eccellenza, di nobile raffinatezza e grandissima longevità, prodotto in circa 200.000 bottiglie nelle annate più favorevoli.

Continua a leggere

Nuovo Deutz Extra Brut: una bella bottiglia!

La maison Deutz ad Aÿ: in Francia è ritenuta tra le sei più “serie”. Sin dalla sua nascita, a opera di William Deutz nel 1838, la maison omonima è sempre stata ossessionata dalla qualità. Ad esempio, in una sua lettera del 1845, il fondatore si infuriava letteralmente con i suoi collaboratori perché, nel corso di una degustazione alla cieca in Russia, il suo champagne si era classificato “solo” terzo. Per questo pretese che si facesse di tutto per procurarsi le migliori uve.

Continua a leggere

Vigne da record

Vigneti sul coteaux che da Hautvillers (sullo sfondo si riconosce la celebre abbazia di Dom Pérignon) digrada verso Dizy. Non credo proprio che un ettaro di vigna altrove costi più che in Champagne. Nei territori classificati Grand Cru (17 villaggi, 6 nella Côte des Blancs, patria dello Chardonnay, 9 nella Montagne de Reims e 2 nella Vallée de la Marne, Tours-sur-Marne e Ay, che molti credono si trovi nella Montagne…), infatti, il valore di un ettaro vitato è superiore al milione di euro.

Continua a leggere