Lanson Gold Label 1999

Champagne ingiustamente poco conosciuto e non solo all’interno della gamma Lanson. Si tratta, infatti, di un’etichetta sempre di eccezionale valore e con una straordinaria capacità di invecchiamento. Credo che, ancor più delle stupende Noble Cuvée, rappresenti evidentemente la capacità di Jean-Paul Gandon, entrato in Lanson nel 1972 come responsabile dei vigneti, da dove man mano inizia un’ascesa fatta unicamente di bravura che lo porta a diventare chef de cave nel 1988, carica che ricopre ancora oggi.

Continua a leggere

Il Krug che non vedrete mai (purtroppo)

Chiedendo agli appassionati quale sia lo champagne dei loro sogni, sono sicuro che 8 su 10 risponderebbero lo champagne Krug Clos du Mesnil. È un “single cru” (il villaggio Grand Cru di Le-Mesnil-sur-Oger), un “single vineyard” (il vigneto di 1,87 ettari racchiuso da mura) e un “single grape” (solo Chardonnay, quindi blanc de blancs) prodotto soltanto nelle annate migliori in circa 18.000 bottiglie. Il vigneto, antichissimo (le prime tracce certe risalgono al 1698) fu acquistato dalla famiglia Krug nel 1971 e subito integralmente ripiantato.

Continua a leggere