Ancora novità da Deutz: Extra Aged e Amour 2003

Il 2012 si preannuncia particolarmente brillante per Deutz. Infatti, arrivano non solo le nuove annate di etichette classiche, ma anche altre inedite, come l’Extra Brut di cui ho parlato da poco qui o questo singolare Extra Aged millesimato 2000, lanciato in quantità limitata. Si tratta, infatti, del Brut Millésime 2000 (un classico assemblage champenoise a prevalenza di Pinot Noir: siamo pur sempre ad Aÿ…) tenuto a maturare dopo il dégorgement ulteriori sette anni nelle caves della maison, quindi in condizioni ottimali.

Continua a leggere

Taittinger Comtes de Champagne: 2002 in anteprima mondiale!

Tra i grandissimi champagne, quelli che abbinano la natura di grande vino a un’aurea mitica, ce n’è uno che meriterebbe maggiore attenzione.È il blanc de blancs di punta di Taittinger, il Comtes de Champagne, creato da Pierre nel 1952 (e poi lanciato nel 1957) per onorare i Conti di Champagne, che diedero grande benessere alla regione intorno all’anno 1000 e la cui residenza fa parte da tempo delle proprietà Taittinger.È uno champagne d’eccellenza, di nobile raffinatezza e grandissima longevità, prodotto in circa 200.000 bottiglie nelle annate più favorevoli.

Continua a leggere

Nuovo Deutz Extra Brut: una bella bottiglia!

La maison Deutz ad Aÿ: in Francia è ritenuta tra le sei più “serie”. Sin dalla sua nascita, a opera di William Deutz nel 1838, la maison omonima è sempre stata ossessionata dalla qualità. Ad esempio, in una sua lettera del 1845, il fondatore si infuriava letteralmente con i suoi collaboratori perché, nel corso di una degustazione alla cieca in Russia, il suo champagne si era classificato “solo” terzo. Per questo pretese che si facesse di tutto per procurarsi le migliori uve.

Continua a leggere

Vigne da record

Vigneti sul coteaux che da Hautvillers (sullo sfondo si riconosce la celebre abbazia di Dom Pérignon) digrada verso Dizy. Non credo proprio che un ettaro di vigna altrove costi più che in Champagne. Nei territori classificati Grand Cru (17 villaggi, 6 nella Côte des Blancs, patria dello Chardonnay, 9 nella Montagne de Reims e 2 nella Vallée de la Marne, Tours-sur-Marne e Ay, che molti credono si trovi nella Montagne…), infatti, il valore di un ettaro vitato è superiore al milione di euro.

Continua a leggere

Consigli champagne: primo step, fino a 150 euro

È la domanda fatta più spesso all’amico “che sa” di vino: quale bottiglia mi consigli? E, ovviamente, la cosa vale anche per lo champagne. Anzi, forse vale soprattutto per lo champagne. Un consiglio, però, che non vuole essere la risposta alla tipica domanda “qual è il migliore?”, che, come detto qui è praticamente impossibile da individuare. Pertanto, vorrei cercare, in queste righe, di indirizzare i più all’etichetta più adatta a ogni situazione.

Continua a leggere

Ricetta facile e gustosa per lo champagne

Come ho avuto modo di dire, lo champagne è il vino più longevo e versatile al mondo. Versatile nel senso che sa appagare da solo, nobilitare l’aperitivo, esaltare la cucina. Bene, allora grazie all’aiuto di alcuni grandi chef italiani proporrò di tanto in tanto delle ricette gustose, di preparazione mai eccessivamente complessa, da abbinare poi a uno champagne. A quello che personalmente ritengo più adeguato, ma poi ciascuno è libero di sbizzarrirsi nell’accostamento preferito, che poi, magari, mi può segnalare: ne discuterei con piacere.

Continua a leggere

Louis Roederer: i nuovi Vintage 2006 e Cristal 2005 in anteprima

Avevo annunciato l’anteprima dei nuovi millesimati Louis Roederer, ebbene ho avuto modo di incontrare brevemente presso la maison Jean-Baptiste Lécaillon (chef de cave e direttore generale), che mi ha fatto assaggiare in anteprima tre nuove annate: Blanc de blancs 2006, Vintage 2006 e Cristal 2005. Che saranno commercializzate via via nei prossimi mesi con il non facile compito di non far rimpiangere le precedenti (2005 per i millesimati e 2004 per il Cristal, tutti recensiti con risultati a dir poco straordinari nella guida “Grandi Champagne 2012”).

Continua a leggere

Champagne: conosciamolo meglio

Per gli appassionati questo articoletto potrà risultare meno interessante, però ritengo giusto offrire a quanti si avvicinano, o vogliono sapere di più di questo fantastico mondo uno strumento utile, magari anche ad apprezzare una grande bottiglia o comprendere la grandezza dei millesimati storici. Bene, provo a farlo semplicemente (ma mai con banalità…), attraverso una serie di punti chiave. Non si tratta, pertanto, di un vero e proprio glossario come quello pubblicato nella guida “Grandi Champagne 2012”, bensì una spiegazione dei termini e dei concetti chiave. Spero piaccia.

Continua a leggere

Vecchi millesimati Henriot: ecco il 1998

Torno a parlare dei millesimati Henriot, disponibili per via ufficiale dalla stessa maison, tra l’altro anche in magnum e jéroboam, anche quando si parla di annate passate. Ebbene, dopo aver scoperto le qualità del 1996 è, come promesso, la volta del 1998, figlio di un’annata per molti non “clamorosa” come la ’96, ma per me certamente molto, molto interessante e che ancora non ha rivelato tutto il suo reale potenziale solo perché va vista alla lunga, molto alla lunga.

Continua a leggere

Spumante al top: Riserva Lunelli by Ferrari

Villa Margon: attorno a questo complesso cinquecentesco sorgono i migliori vigneti di Ferrari, piantati a Chardonnay: è da qui che poi nascono le due riserve Giulio Ferrari e Lunelli. Da champagnista convinto, non escludo però a priori gli altri vini spumanti, men che meno i nostrani, che oramai su muovono su livelli qualitativi davvero elevati. Pertanto queste pagine daranno spazio anche a loro, nella categoria “Non solo champagne”.

Continua a leggere