Champagne Bollinger: Gilles Descôtes è il nuovo chef de cave

La notizia improvvisa delle dimissioni di Mathieu Kauffmann da chef de cave di Bollinger aveva sorpreso un po’ tutti, ma già da subito si ipotizzava Gilles Descôtes come suo successore, allora Direttore Tecnico della maison di Aÿ e, di fatto, suo braccio destro. Lo scorso 27 maggio ero proprio da Bollinger e ho avuto modo non solo di conoscere Gilles, ma anche di apprezzarlo come uomo e come tecnico nel corso di una bella degustazione.

Continua a leggere

R.D., il vero capolavoro di Bollinger

Solitamente a un grande vino serve tempo perché questa sua grandezza si esprima universalmente e lo porti nell’Olimpo dell’enologia mondiale, ovvero nel mito. Un secolo, magari, qualche decina di anni in meno nei casi più fortunati. Invece, c’è un grande vino, uno champagne ovviamente, che la fama, anzi il mito l’ha raggiunto con sorprendente rapidità, così capita che abbia festeggiato il prestigioso traguardo del 50° compleanno già due anni fa, quando tra i grandi ci sta da un pezzo, trent’anni almeno. Questo champagne è l’R.D. di Bollinger.

Continua a leggere

Clamoroso, Mathieu Kauffmann lascia Bollinger!

Avevo sentito la notizia già da diversi giorni, ma mi era sembrata talmente strana, talmente clamorosa che stentavo a darle credito. Eppure, ho verificato anche con l’importatore italiano Meregalli ed è proprio così: Mathieu Kauffmann, chef de cave di Bollinger dal 2004 (dove, comunque, era entrato già nel 2001), decimo nella storia della maison e soprattutto il primo non champenoise, si è dimesso. La decisione di Kauffmann ha lasciato tutti di stucco e perfino la maison ha c onfessato di non conoscere i motivi di queste dimissioni improvvise.

Continua a leggere

Sorpresa, anzi conferma: champagne Bollinger La Grande Année 1999

Quando si parla di Bollinger, i più pensano immediatamente al suo ottimo brut sans année, ovvero la Special Cuvée, gli appassionati invece sognano il Vieilles Vignes Françaises e l’RD. Così, quello che è la vera bandiera della maison di Aÿ finisce per essere dimenticato… Mi riferisco allo champagne La Grande Année, definito dalla stessa Bollinger “il grande millesimato”, prodotto solo in occasione delle vendemmie migliori.

Continua a leggere

Il nero? Si abbina con tutto, specialmente con lo champagne

La Dame du Vin per Lemiebollicine “Buongiorno Livia, tutto bene?” “Sì Alberto, grazie. Hai festeggiato con una bollicina interessante il Natale?” “Assolutamente sì. Ma, a proposito di bollicine, cosa mi proporresti stavolta per il sito?” “È qualche giorno che ci penso Alberto, e, in attesa di un brindisi per l’ultimo giorno dell’anno, mi piacerebbe molto mandarti un articolo sull’oro nero del Baltico: il caviale…” Silenzio. “Alberto, ci sei?” “Sì, Livia, è solo che non sono troppo convinto.

Continua a leggere

Tutto il fascino del Vieilles Vignes Françaises 1999 di Bollinger

L’evoluzione delle tecniche di conduzione del vigneto e le moderne pratiche di cantina hanno per buona parte cancellato la memoria dello champagne à l’ancienne, ovvero di come lo si produceva nel XIX secolo. Ciò nonostante, qualche produttore ha via via riproposto champagne che si rifanno alle origini e, tra queste, Bollinger può essere ritenuta a buon diritto la capofila con il suo Vieilles Vignes Françaises, prodotto, però, solo nelle annate più favorevoli e in poche bottiglie.

Continua a leggere

Bollinger e Bond: (2)002 per 007

Se n’è parlato e riparlato: l’uscita – ieri – nelle sale italiane dell’ultimo film dell’agente segreto più famoso al mondo ha riportato in auge un matrimonio che, salvo una breve parentesi, dura da decenni, ovvero quello tra James Bond e lo champagne Bollinger, iniziato nel 1973 con “Vivi e lascia morire”. Vecchia etichetta di R.D.: quest’annata (1975) compare sia in “A view to a kill” con Roger Moore, sia in “Living daylights” con Timothy Dalton.

Continua a leggere

Giornata Champagne a Roma: 6 assaggi in rosa

Envie de bulles – Chiara Giovoni Intensa e avvincente la Giornata Champagne organizzata dall’ufficio italiano del CIVC nelle sontuose sale del Complesso monumentale di Santo Spirito in Sassia, dove “monumentale” è invece anche l’aggettivo più adeguato per descrivere la numerosità e la qualità delle aziende di produzione presenti con le loro selezioni di bollicine.

Continua a leggere

Bollinger cambia la bottiglia

Era nell’aria da un po’ di tempo, ma per rispetto dell’ufficializzazione da parte dell’importatore italiano ho preferito aspettare un po’ a parlarne. Ma ora ci siamo: Bollinger esordisce con una nuova bottiglia, per ora riservata alla sola Special Cuvée, ma che si estenderà a seguire (man mano che le bottiglie termineranno la maturazione sui lieviti, ovviamente…) a tutta la gamma.

Continua a leggere

La Grande Année Rosé Bollinger, nuova annata 2004

Uno dei primi post, anzi articoli di questo sito era dedicato a uno champagne rosé non molto conosciuto (forse perché prodotto in piccolissime quantità, ma anche perché la maison è più nota per i suoi blancs) pur se sempre eccellente: la Bollinger Grande Année, ma declinata come Rosé. Parlai poco tempo fa della Grande Année 2002, mentre ora andiamo a conoscere la 2004. Come il nome suggerisce, questo champagne è una variante della Grande Année tradizionale, ma non come mera aggiunta di vino rosso all’assemblaggio bianco, bensì come uno inedito.

Continua a leggere