Cinque top champagne per chiudere l’anno alla grande!

Stiamo per salutare il 2017 e la fine dell’anno fa segnare senza dubbio il picco nel consumo dello champagne. L’appassionato avrà già selezionato per tempo le bottiglie da stappare, ma molti – la maggior parte – decidono spesso alla fine quale bottiglia sugellerà la fine dell’anno passato e l’inizio del nuovo. In questa piccola rassegna suggeriamo cinque champagne ‘di peso’, per rendere veramente indimenticabile questo momento di festa…   Diebolt-Vallois Fleur de Passion 2007 Ultima visita da questo piccolo, bravissimo produttore di Cramant.

Continua a leggere

Champagne: quando l’eccellenza fa… 90!

In linea di massima, ho avuto la fortuna di assaggiare champagne d’annata (il termine ‘vecchi’ non mi piace…) grazie alle varie maison e nelle loro sedi, quindi in condizioni ideali. Pertanto, è stato non solo con grandissimo piacere, ma anche con un bel po’ di curiosità che ho accettato l’invito di Federico Angelini a partecipare a un’incredibile ‘orizzontale’ di champagne targati 1990.

Continua a leggere

Krug, la Grande Cuvée (ancora ‘lei’…) e l’annata 2004

Dopodomani inizia la stampa dell’edizione 2018-19 della guida Grandi Champagne. Va bene, sarò di parte, ma questa edizione non rappresenta semplicemente la naturale evoluzione delle precedenti, come fu dalla prima alla seconda e da questa alla terza, ma sarà una sorta di rivoluzione. Ancora un po’ di pazienza e vi rivelerò tutti i dettagli. A proposito di guida, devo confessare che se sto pubblicando un solo pezzo a settimana qui su LeMieBollicine è proprio a causa dell’immensa mole di lavoro della guida: non appena pronta, ritornerò ai consueti due articoli.

Continua a leggere

Krug cala l’asso: Collection 1990!

Muovevo i primi passi nel meraviglioso mondo dello champagne quando mi imbattei per la prima volta nel Krug 1990. Nonostante la limitata esperienza dell’epoca, fu amore a prima vista e, da allora, ogni incontro con questo champagne magnifico è sempre stato foriero di soddisfazioni, piacere, esaltazione. Gli ho tributato 99/100, punteggio stratosferico, giusto un gradino sotto la perfezione, toccata invece dal Krug 1988 e dal Krug Collection 1985 in magnum.

Continua a leggere

Metti una serata champagne quando ti imbatti in qualche grande Krug del secolo scorso…

Finalmente è finita l’estate. Per noi appassionati è la scusa che si reitera ogni volta per ritrovarsi e scaldarsi il cuore, con grandi bottiglie. Eccoci quindi in un’affascinante serata autunnale, i soliti amici e il consueto appuntamento davanti a un tavolo per discutere (e gioire) di bollicine, millesimi, piccoli vigneron e grandi maison. Un breve scambio di messaggi, idee e la decisione del tema della serata arriva presto. Finalmente tocca a ‘lui’, tocca a Krug! Nessuno champagne riesce ad accendere gli animi come questo, anche stavolta ne ho conferma.

Continua a leggere

Krug e l’annata 2002: è la volta del Clos du Mesnil

Tra le varie annate di Krug, la 2002 è stata senza dubbio la più attesa dalla maggior parte degli appassionati (personalmente, invece, aspetto con ansia la 2008, ma c’è tempo…). Non a caso, il Krug 2002 (mi ha detto Olivier che si dice così e non Vintage 2002…) è di fatto già esaurito e gli esemplari in giro vedono il prezzo salire costantemente, per buona pace della maison che non voleva capitasse tutto ciò.

Continua a leggere

Krug Grande Cuvée: ancora tu…

Beh, non solo non si è minimamente spento il clamore del Vintage 2002, l’attesissimo, nuovo millesimato di Krug, ma, come detto lunedi scorso, è partita una vera e propria caccia a questo champagne… Forse anche perché, oltre alle grandissime aspettative, se n’è parlato tanto, forse troppo, a volte anche a sproposito, per non parlare del fatto che qualcuno gli ha tributato punteggi da capogiro.

Continua a leggere

Il Krug Collection 1985 (in magnum…) vale il mio quarto 100/100!

Potremmo definire questa come la ‘settimana Krug’, visto che parlerò tanto oggi quanto il prossimo giovedi della mitica maison di Reims. A proposito, nonostante la stessa Krug abbia detto che farà di tutto per evitare fenomeni speculativi con il Vintage 2002, invece sembra già partita la caccia a questo champagne e proprio in questi giorni sto sentendo da più parti di affannosi tentativi di acquisto… Olivier Krug, sesta generazione di questa famiglia d’eccezione e, oggi, direttore della maison omonima.

Continua a leggere

Anteprima: arriva il Vintage 2002 di Krug!

Se non erro, è l’ultimo champagne millesimato figlio dell’annata 2002 ad arrivare sul mercato. E, come avvenuto a suo tempo con il Grand Vintage di Moët, debutta dopo il 2003. Sto parlando dell’attesissimo Vintage 2002 di Krug, tra l’altro l’ultimo vendemmiato come responsabile dal grande, compianto e indimenticabile Henri Krug. Così, oggi tocca a suo figlio Olivier tenere a battesimo questo nuovo millesimato… Devo fare un tributo personale al grande Henri Krug: il 2002 fu il suo ultimo anno con un ruolo attivo nella maison.

Continua a leggere

La grande verticale di champagne Krug a La Pergola insieme a Olivier Krug

(II PARTE) Come promesso, ecco la seconda parte di quello straordinario evento che si è svolto il 21 ottobre scorso al ristorante ‘tre stelle’ di Roma, La Pergola, quindi la verticale di Krug dal 2003 al 1962, alla presenza dello stesso Olivier Krug.

Continua a leggere