Risotto allo Champagne? Ecco la ricetta di Marco Dallabona!

piatto risotto allo champagne

Da diversi mesi in tanti ci chiedono la ricetta di un piatto che fa un po’ anni Settanta: il Risotto allo Champagne. Nacque nei night per fare scena, quando, a un certo punto della serata, arrivava al tavolo un classico risotto in bianco che veniva completato di fronte all’avventore con l’aggiunta a fine cottura di un paio di bicchieri della medesima bottiglia che lo stesso stava bevendo. In parte soppiantato negli anni Ottanta dal famigerato risotto con le fragole, in realtà non è mai declinato del tutto, diventando sorta di ‘instant classic’. In estrema sintesi, si tratta di un riso bianco con burro e Parmigiano dove per sfumare si usa lo champagne al posto del vino bianco. Oggi c’è chi lo ritiene un piatto da cenone di Capodanno, chi da cena tête à tête per San Valentino, chi, infine, lo prepara quando gli avanza (!!!!) un po’ di champagne, fatto sta che è una preparazione che gode ancora di una certa popolarità, sebbene personalmente non utilizzerei una bottiglia di champagne per cucinare… ma tant’è. Di questo piatto poi, esistono diverse varianti, a cominciare dalla sostituzione dello champagne con altri vini spumanti o perfino Prosecco, dall’aggiunta di pepe al termine, per non parlare dell’aggiunta di gamberi o scampi…

Ricetta allo champagne fase 1

Per orientarmi in questa vera e propria selva di ricette e trovare quella, non voglio dire ‘originale’, ma la più aderente all’idea di questo piatto così come nacque, mi sono recato in quel tempo della cucina emiliana (e non solo…) che è la Stella d’Oro di Soragna e ho chiesto al suo patron Marco Dallabona di preparalo. Marco, infatti, conosce tutte le sfaccettature di oltre quarant’anni di cucina e non smette mai di sperimentare, pertanto ero sicuro di trovare con lui la declinazione ‘migliore’ della ricetta e così è stato. Una ricetta peraltro semplice e devo ammettere che alla fine il risultato è oggettivamente molto buono, quindi… buon appetito!

Risotto allo Champagne. Ricetta.

Ricetta allo champagne fase 2

Ingredienti per 4 persone

350 g. di riso Carnaroli, una cipolla piccola, 100 cl. di brodo vegetale, 80 g. di burro, 100 g. di Parmigiano Reggiano grattugiato, 350 cl. di champagne.

Preparazione

Tritare finemente la cipolla, rosolarla lentamente nella casseruola con parte del burro e, quando completamente ‘sciolta’, aggiungere il riso. Tostarlo leggermente e bagnare con lo champagne, girando in continuazione a fiamma alta. Passati 8/9 minuti circa, aggiungere il resto del burro e il Parmigiano, quindi iniziare a mantecare lasciando il risotto molto ‘all’onda’, aggiungendo il brodo che necessita a terminare affinché sia scorrevole.

Ricetta allo champagne fase 3

Ricetta allo champagne fase 4

Abbinamento

Solitamente i risotti si accostano particolarmente bene ai blanc de blancs, vista la loro capacità di ‘sgrassare’ la bocca. Nel caso del Risotto allo Champagne, però, il piatto ha già una buona base acida apportata dallo stesso champagne utilizzato nella preparazione, pertanto con Marco ci siamo orientati su un blanc de noirs. Uno fuori dai soliti nomi, caratterizzato anche da un prezzo molto competitivo e, naturalmente molto buono, firmato da una giovane produttrice che farà molto parlare di sé: Mathilde Bonnevie. Quindi il consiglio di abbinamento verte sul Rochet-Bocart Blanc de Noirs. 

champagne Rochet-Bocart Blanc de Noirs

www.ristorantestelladoro.it

www.massuccoimport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *