Nuova distribuzione: Philarmonica acquisisce (anche) Devaux

Devaux

L’azienda bresciana di Guido Folonari allarga il proprio portfolio di distribuzione e lo fa nel settore dello champagne, dove vanta un’esperienza invidiabile (ha storicamente distribuito Ruinart e dal 2012 distribuisce Charles Heidsieck). Tra l’altro, lo scorso anno Philarmonica ha fatto registrare una performance straordinaria, avendo chiuso il 2019 con bel +40% rispetto al 2018; il tutto considerando che, dall’inizio della distribuzione di Charles Heidsieck in Italia, l’azienda bresciana era sempre cresciuta anno dopo anno. Merito dello staff costruito con lungimiranza da Guido Folonari e capitanato dal bravo Massimiliano Larosa che sembra non aver affatto voglia di cullarsi sugli allori. Infatti, Philarmonica inizia dal 1 aprile 2020 la distribuzione esclusiva per l’Italia di un’altra gamma di champagne, segnatamente quelli della Collection D di Deveaux, cooperativa-boutique della Côte des Bar che fa capo all’Union Auboise.

Ho chiesto immediatamente a Guido Folonari di commentare questa nuova avventura, soprattutto alla luce del fatto che in passato Philarmonica è sempre stata ‘monogoma’ con lo champagne, ed ecco le sue parole: “si è trattato di una scelta voluta e ragionata soprattutto per la grande qualità delle cuvée di Devaux, completamente in linea con le eccellenze del nostro portfolio e lo stile della nostra azienda. Questa nuova via rompe la tradizione monogama di Philarmonica e vuole adattarsi al cambiamento dei tempi aprendosi a nuove esperienze e a nuove sfide. In proposito, abbiamo in mente un percorso che va nella direzione di allargare ulteriormente il portfolio di Champagne importati con una mirata selezione di piccoli vigneron delle zone più prestigiose: posso dirti che ci stiamo già lavorando, ma… non abbiamo fretta. In conclusione, qualità del prodotto e qualità delle persone fanno la differenza in un mondo che ha perso sempre di più i valori che contano, così prima in Charles Heidsieck e adesso anche in Devaux abbiamo ritrovato i nostri valori per i quali vale la pena fare questo mestiere in momenti così difficili”.

In bocca al lupo a tutto lo staff di Philarmonica, dunque, con la curiosità di scoprire al più presto le altre novità e senza dimenticare l’eccellente lavoro fatto anche con la tenuta di Bolgheri, Donna Olimpia!

www.philarmonica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *