Anteprima Comtes de Champagne Rosé 2005: caspita quanto è buono!

Bottiglie di Champagne di Comtes de Champagne Rosé
Bottiglie di Comtes de Champagne Rosé assaggiante insieme alla famiglia Taittinger nella loro splendida proprietà dello Château de la Marquetterie.

Avevo presentato qui il Taittinger Comtes de Champagne 2002, annunciando anche che a seguire sarebbe arrivata la versione omologa in rosa. Ebbene, ecco il Comtes de Champagne Rosé 2005, anch’esso in anteprima mondiale.

Questo eccellente champagne è uno dei primi rosé tra le cuvée de prestige, nato con la vendemmia 1970. A differenza del fratello blanc, gran parte dello Chardonnay lascia posto al Pinot Noir della Montagne de Reims (prevalentemente da Ambonnay), per un assemblaggio pari a 30/70 rispettivamente, mentre la parte in rosso del Pinot (12-15%) è fatta solo con uve di Bouzy. A ogni modo, tutte le uve impiegate sono rigorosamente 100% Grand Cru. Sempre rispetto al Comtes blanc, infine, la maturazione nelle cantine è più breve (5 anni) e anche la produzione molto più contenuta, solo 40.000 bottiglie.

Foto di Pierre Emmanuel Taittinger
Pierre Emmanuel Taittinger, discendente del fondatore e attuale presidente della maison, durante la degustazione allo Château. Simpaticissimo, ha ridato lustro a Taittinger dopo averne mantenuto la proprietà all’interno della famiglia.

La 2005 è stata un’annata complessivamente calda e secca.
Dopo un inverno rigido, ma poco piovoso, la primavera è stata piuttosto dolce con pochi picchi di caldo. In vigna, la fioritura è iniziata intorno al 15-19 giugno, alla quale è seguito un periodo piovoso fino ai primi di luglio; quindi è iniziata l’estate, prima calda, poi fresca ad agosto. La vendemmia ha avuto inizio il 12 settembre in un clima di dolcezza e di umidità, ma la ventilazione ha garantito uve sane. Il raccolto è stato comunque abbondante, con lo Chardonnay che ha dato vini di ottima qualità caratterizzati da freschezza, mineralità, generosità e lunghezza. Il Pinot Noir, invece, ne ha dati di netti, ampi e vinosi; nel Comtes Rosé la percentuale in rosso è stata pari al 12%.

Prima di andare a scoprire questo Comtes Rosé 2005, però, vediamo un attimo le altre annate prodotte nel corso di questo decennio, in modo da avere un quadro complessivo di questo grande vino e apprezzare ancor meglio l’elevato spessore di questa ultima annata.

Comtes de Champagne Rosé

Chef de caves Loïc Dupont
Il segreto della qualità degli champagne Taittinger: lo chef de caves Loïc Dupont, da oltre vent’anni alla guida tecnica della maison con tanta bravura quanto riserbo.

2000
Naso affascinante, o meglio invitante nell’espressione fruttata ricca e morbida, fusa e bellissime nuances di tabacco. Bocca integra, gustosa, valorizzata da una bollicina finissima e ritorni di frutto ancora morbido ma soprattutto fragrante, sostenuto dalla classica mineralità, ora sottile.
E chiude proprio su questi toni leggeri, delicati, non riuscendo, a differenza del fratello blanc, a superare i limiti dell’annata.
Voto: 89/100

2003
Olfatto nel quale le spezie orientaleggianti si fondono a toni fruttati più aciduli che rossi, questi ultimi incentrati sul ribes. La componente fruttata è arricchita anche da spunti di pesca noce che confermano uno sviluppo olfattivo complesso, via via più scuro e dolce.
Al palato il valore della materia è evidentissimo, soprattutto per via dalla componente minerale che mitica la possanza dell’annata. Champagne elegante e di bella beva, conferma di una generazione di fuoriclasse nonostante l’annata torrida.
Voto: 90/100

2004
Con un punteggio di 93/100 questo millesimo lo trovate recensito nella guida “Grandi Champagne 2012.

Champagne Comtes de Champagne Rosé 2005
In anteprima mondiale, ecco il Comtes de Champagne Rosé 2005, un rosé eccellente che conferma l’altissimo profilo della cuvée de prestige in rosa di Taittinger.

2005
Wow che naso! È denso ma leggero, complesso e invitante, freschissimo, con un gran frutto che ricorda non solo il lampone ma anche l’arancia rossa, sempre più protagonista su un fondo minerale. Bocca straordinaria per la materia, polposa e rotonda, che esalta i ritorni di frutto perfettamente coerenti con i riconoscimenti olfattivi, oltre a gustose note asciutte e naturalmente amaricanti di thè.
Ha una bollicina perfetta, finissima, è sapido, giustamente asciutto, appena – e correttamente – tannico, di ampia e lunghissima persistenza fruttata.
In fin dei conti è buonissimo, anche per via della beva irresistibile, tanto da essere uno dei migliori Comtes Rosé di sempre.
Voto: 94/100

Gli champagne Taittinger sono distribuiti in esclusiva da:
Pescarmona Importatori – Tel. 011/534561 – www.pescarmona-importatori.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *