Giornata Champagne a Roma: 6 assaggi in rosa

champagne rosé

Envie de bulles – Chiara Giovoni Intensa e avvincente la Giornata Champagne organizzata dall’ufficio italiano del CIVC nelle sontuose sale del Complesso monumentale di Santo Spirito in Sassia, dove “monumentale” è invece anche l’aggettivo più adeguato per descrivere la numerosità e la qualità delle aziende di produzione presenti con le loro selezioni di bollicine.

Continua a leggere

Anteprima Bruno Paillard N.P.U. 1999

champagne bruno paillard

N.P.U. è l’acronimo di Nec Plus Ultra (non più avanti in latino), lo champagne di punta di Bruno Paillard, prodotto solo nelle annate veramente grandi, almeno per Bruno: 1990, 1995, 1996 e ora 1999. Quest’ultimo ha appena debuttato ieri sera in Italia, nel corso di una serata organizzata da Cuzziol presso Via Settembrini Libreria a Roma alla presenza dello stesso monsieur Bruno. Bruno Paillard presenta la nuova annata di N.P.U., la 1999, definendo questo vino “gourmandise”. Può sorprendere che questa nuova annata di N.P.U.

Continua a leggere

Anticipazioni annata 2012: è la volta di Paillard

champagne paillard

Mentre in Champagne la vendemmia prosegue, si inizia ad avere un’idea più precisa dell’annata 2012. Ho approfittato, allora, per chiedere la sua opinione ad Alice Paillard, figlia di Bruno e con questi oramai anima della maison a tutti gli effetti. Ecco cosa mi ha detto. “Innanzitutto, posso dire molto semplicemente che la resa è stata molto variabile da parcella a parcella, così i vigneti colpiti dalle gelate e dalle altre avversità dell’annata hanno prodotto meno uve, invece quelli che l’hanno scampata hanno dato un raccolto di buona quantità.

Continua a leggere

Inside Bruno Paillard

champagne paillard

Non ritengo champagne facili i Bruno Paillard, ma sono fermamente convinto che più li bevi e più li apprezzi. Soprattutto il Brut Première Cuvée, che ha anche una capacità incredibile di maturazione. E pensare che rappresenta l’etichetta di ingresso al mondo Paillard… A me sta succedendo proprio questo, ragion per cui mi sembra opportuno non solo apprezzare questo champagne in una sontuosa verticale, ma anche conoscere più da vicino la maison Bruno Paillard. Nata quasi come un’avventura, oggi la maison Bruno Paillard raccoglie i frutti delle intuizioni del suo fondatore.

Continua a leggere

Champagne: consigli per l’estate

estate consigli per lo champagne

Siamo nel pieno della stagione calda, forse dovrei dire torrida, e qualcuno – beato lui – è già partito per le ferie, altri lo faranno durante questo mese o in quello canonico di agosto, qualcun altro, volente o nolente, è rimasto in città. In tutti i casi, una bella bottiglia potrebbe esaltare la vacanza o rendere meno pesante il tran tran cittadino e, in proposito, oggigiorno la bollicina è un vino in netta crescita anche durante l’estate.

Continua a leggere

Bruno Paillard svela il suo millesimato 2002

bottiglia champagne Bruno Paillard 2002

Bruno Paillard, fondatore e anima della maison omonima. Sarà, ma più ribevo gli champagne di Bruno Paillard e più mi piacciono. Non ritengo siano champagne facili, anzi vanno capiti e credo sia per questo che conquistano con il tempo, con l’esperienza, con i riassaggi. Di questo produttore si è detto tutto e di più, si è straparlato della sua filosofia, delle sue idee sul dégorgement, quindi ne faccio un brevissimo “ripasso” prima di andare a scoprire questo nuova etichetta, o meglio, questa nuova annata del suo Assemblage millesimato.

Continua a leggere

Luca Cuzziol: intelligenza, intuito, passione

Champagne Bruno Paillard, il Blanc de blancs Réserve Privée

Luca Cuzziol, veneto, è l’anima dell’azienda omonima, ma soprattutto un appassionato conoscitore del vino e delle dinamiche di mercato. Per gli appassionati di champagne, Luca Cuzziol è sinonimo di Bruno Paillard, lo champagne che importa in esclusiva in Italia al fianco di altri due piccoli produttori davvero interessanti. Ma il nome Cuzziol significa oggi una delle più belle realtà di distribuzione vinicola in assoluto, non solo per via di un portafoglio di eccellenza, ma soprattutto per come si è arrivati alla selezione di questi produttori e come vengono poi valorizzati.

Continua a leggere