Lécaillon e l’evoluzione di quel grande champagne che è il Brut Premier

Degustazione Brut Premier Louis Roederer

Ha perfettamente ragione il grande Charles Philipponnat quando afferma con la massima serenità che la qualità dei brut sans année è oggi decisamente superiore a quella di trent’anni fa, con il 90% di questi buoni, se non addirittura ottimi. D’altronde, come avrete modo di verificare tra un paio di mesi o poco più nella guida Grandi Champagne 2020-21, sono diversi i non millesimati che sono arrivati ad almeno 88/100 e non sono pochi quelli riusciti a raggiungere (o superare…) il fatidico ‘muro’ dei 90/100.

Continua a leggere

Cristal 2008: a volte (per fortuna) ritornano…

Cristal 2008 etichetta

Grazie all’amicizia e alla stima di Jean-Baptiste Lécaillon, sono stato – permettetemi di dirlo, perché a volte mettere i puntini sulle ‘i’ è necessario – il primo al mondo fuori dalla maison Louis Roederer ad assaggiare il Cristal 2008. E sono stato il primo al mondo a tributargli il massimo punteggio: 100/100.

Continua a leggere

Gli champagne simbolo del 2018

gli champagne del 2018

(che poi sono anche consigli per brindare bene alla fine dell’anno…) Per queste ultime feste abbiamo volutamente evitato i triti consigli per brindare in occasione del Natale, però non possiamo esimerci dai suggerimenti per la fine dell’anno. Non i classici consigli di brindisi, però, bensì una carrellata di champagne che per un motivo o per l’altro hanno un po’ simbolizzato questo 2018. Bando alle ciance, dunque, e scopriamo queste etichette.

Continua a leggere

Con Roederer la regola del ‘8’ ha colpito ancora. Cristal a parte…

Champagne Louis Roederer Blanc de Blancs 1998

Non potevo mancare la vendemmia 2018 in Champagne. Per interesse e cultura personale, certo, ma anche per il mio legame con le annate con il numero ‘8’. Sono nato in un’annata con l’8 (anche se disastrosa per il vino: 1968), poi ho apprezzato gli champagne del 1978, sono impazzito per quelli del 1988, sono rimasto affascinato dal quelli del 1998, sono pronto a scommettere che amerò follemente quelli del 2008. E quelli del 2018? Non lo so.

Continua a leggere

Mamma Mia celebra l’eccellenza del Cristal 2008

cristal 2008

Quando: 18 settembre 2018 Dove: Ristorante Mamma Mia, Roma Evento: una con menu di pesce e Cristal 2008 Prenotazioni: 06/85351995 Le degustazioni dell’ultima edizione della guida (Grandi Champagne 2018-19) si sono tenute in due sedi, due ristoranti d’eccezioni che amo particolarmente. La Stella d’Oro di Soragna (PR) e Mamma Mia a Roma. Ecco, quest’ultimo, o meglio il suo titolare Daniele Agosti, l’ho conosciuto soltanto a inizio 2017, ma la sua passione per lo champagne, la bellezza del locale, la gustosità della sua cucina mi hanno subito impressionato.

Continua a leggere

Cristal Rosé, un terzetto irresistibile: 2007, 2008 e 2009!

Cristal rosé 2007

Vediamo oggi tre Cristal rosé eccezionali. Ancora Cristal, vi chiederete? Beh, sì, permettetemelo, d’altronde è il vino del momento: l’annata 2008 lo ha portato ancor più alla ribalta, lanciandolo nella categoria del ‘most wanted’. Proprio la scorsa settimana, Massimo Sagna mi ha confessato di non sapere più come fare a causa dell’incredibile numero di richieste avute e di trovarsi in forte difficoltà visto che alcuni clienti, pur di averlo, stanno rasentando le minacce.

Continua a leggere

Eccezionale anteprima Cristal: il capolavoro di Lécaillon!

Cristal Rosé Vinothèque 1996

No, non mi riferisco al già mitico Cristal 2008, che è finalmente in consegna in Italia da pochi giorni… Beh, a dirla tutta anche quello è un capolavoro di Jean-Baptiste Lécaillon e, non a caso, è la prima volta che assegno 100/100 a uno champagne (su Grandi Champagne 2018-19) neanche d’annata, come si suol dire, ma addirittura prima che esca. E, in proposito, pare proprio che ci abbia visto giusto, perché i primi commenti da parte di chi lo ha appena assaggiato sembrano entusiasti.

Continua a leggere

Partenza col botto: Cristal Rosé 1995 Vinothèque!

Cristal Rosé 1995 Vinothèque

Buon 2018 a tutti, innanzitutto! Chissà se anche quest’anno in Champagne varrà quella che ho battezzato ‘la regola dell’8’ (annate come 1988, 1998, 2008 e per certi versi anche 1978 sono eccezionali)… lo sapremo tra una decina di mesi, alla vendemmia, intanto godiamoci l’Anno Nuovo! Bene, nel frattempo la fine del 2017 ha visto l’arrivo sul mercato di uno champagne d’eccezione: la ‘versione’ Vinothèque del Cristal, con l’annata 1995.

Continua a leggere

Last minute: cinque champagne per l’ultimo dell’anno da comprare sotto casa

brindisi capodanno

Poche ora all’arrivo dell’anno nuovo. Senza dubbio ci si è organizzati per tempo tra pietanze e vini, ma può sempre capitare l’emergenza dell’ultimo minuto… Un invito inatteso, la mancanza dell’irrinunciabile bottiglia per mezzanotte e tra poche ore tutti i negozi chiudono. Che fare? E, soprattutto, come fare? Bene, ecco il consiglio per cinque bottiglie di champagne da trovare facilmente sotto casa (dall’enoteca a negozi anche meno specializzati) e che permettono di celebrare nel migliore die modi l’anno nuovo.

Continua a leggere

Cinque top champagne per chiudere l’anno alla grande!

champagne a capodanno

Stiamo per salutare il 2017 e la fine dell’anno fa segnare senza dubbio il picco nel consumo dello champagne. L’appassionato avrà già selezionato per tempo le bottiglie da stappare, ma molti – la maggior parte – decidono spesso alla fine quale bottiglia sugellerà la fine dell’anno passato e l’inizio del nuovo. In questa piccola rassegna suggeriamo cinque champagne ‘di peso’, per rendere veramente indimenticabile questo momento di festa…   Diebolt-Vallois Fleur de Passion 2007 Ultima visita da questo piccolo, bravissimo produttore di Cramant.

Continua a leggere