È nata Laurent-Perrier Italia

logo laurent perrier

Dopo le vicissitudini di D&C, ma soprattutto per essere presente in maniera ancora più autorevole e accurata sull’importante mercato italiano, è nata Laurent-Perrier Italia, filiale diretta della maison di Tours-sur-Marne. In questo modo, si colma anche un’anomalia del mercato europeo, visto che nei più importanti Paesi del Continente esistevano da tempo realtà simili, pertanto emanazioni dirette di L-P. 

La sede è a Bologna, la società è una SpA e nel consiglio di amministrazione siede non solo lo stesso presidente della maison, ma anche Alexandra de Nonacourt, primogenita del grande Bernard e autentica signora dello champagne. Amministratore Delegato è stato invece nominato Luigi Sangermano, il cui gruppo partecipa alla nuova società con il 30% del capitale, mentre la parte restante è tutta del Gruppo L-P. La figura chiave di Direttore Commerciale è invece stata affidata a Stefano Della Porta, che vanta già una notevole esperienza nel settore e un’approfondita conoscenza degli champagne Laurent-Perrier. E ha già le idee ben chiare, perché punta a inserire il marchio L-P, o meglio, a rafforzarne la presenza nel settore Horeca, pertanto nella ristorazione, nei wine-bar di maggior prestigio e, ovviamente, nelle enoteche.

Confermato “ambasciatore Laurent-Perrier” una vecchia e cara conoscenza del sottoscritto, Stéphane Montjourides.

Da parte mia e di tutto lo staff de LeMieBollicine, il più caloroso ‘in bocca al lupo’ alla neonata Laurent-Perrier Italia! 

Michel Fauconnet e Alexandra de Nonancourt
Il cuore pulsante di Laurent-Perrier: da sinistra, lo chef de cave Michel Fauconnet, la proprietaria Alexandra de Nonancourt e la responsabile dell’accoglienza Nicole Snozzi.
Laurent-Perrier Italia S.p.A.
Via Farini, 9 – 40124 Bologna
Tel. 051/6486537 – Fax 051/274588
www.laurent-perrier.com

14 commenti su “È nata Laurent-Perrier Italia”

  1. Buongiorno,

    Sarei interessata ad un contatto diretto con l’azienda distributrice in Italia per lo champagne Laurent Perrier per approfondire la possibilità di trattare in esclusiva il marchio per la provincia e città di Bergamo

    Cordialmente

    Marzia Alessandra Brambilla
    339/2342393

  2. Illustre Alberto salve, le scrivo per un chiarimento “difficile”…. Ho appena bevuto un laurent perrier vintage 1997… Mentre stappavo ho notato la “pochezza” di gas (mi passi il termine), nel bicchiere colore giallo scuro molto ossidato, perlage finissimo al limite dell’assenza, sapore da vino stravecchio da meditazione. Sono rimasto perplesso pur amando gli champagne maturi e strutturati; bottiglia con qualche problema o invecchiamento per palati allenati? Lo so che senza assaggio le chiedo di andare quasi di fantasia ma se puo’ mi dia un parere, una mano per cogliere qualcosa di piu’ in futuro. Grazie sempre:

    1. Oddio, da quanto mi dice sembra trattarsi di una bottiglia che ha “sofferto”, perché un 1997, per di più a firma di una maison importante come L-P, non può essere in queste condizioni!

    1. Sono quasi certo che si è trattato di una bottiglia maltenuta direi,
      Ha sofferto il caldo Molto probabilmente,
      Sono millesimi che raramente deludono se tenuti il luogo giusto ed in giusto modo

  3. Buongiorno!
    Avrei una domanda che riguarda il Grand Siècle : attualmente, in commercio, è con l’assemblaggio di quali annate?
    Grazie Mille

  4. Grazie mille,gentilissimo!
    Non avendolo mai bevuto sono indeciso se acquistarlo, oppure optare su un DP 2006 o un Krug gran cuvee o un Clos deS goisses 2005.Ardua scelta.
    Dall’alto della sua esperienza cosa mi consiglierebbe?
    Cordiali saluti

  5. Buongiorno,
    Mi chiamo Vincenzo,
    il giorno 27 Marzo a pranzo ho aperto una bottiglia di Champagne Grand Siècle Laurent Perrier, ma lo Champagne ha un sapore di tappo e aggiungo di averla comprata poco prima. Le comunico il nr di serie del codice a barre presente sul retro della bottiglia 3258436000003 attendo vs info, cordiali saluti.

    1. Buongiorno,
      se segue questo sito avrà capito che non vendiamo champagne, ne parliamo.
      Nel caso di bottiglie compromesse (purtroppo a volte il “tappo” capita, anche con le bottiglie migliori…), dovrebbe rivolgersi al venditore.
      Saluti

  6. Salve Alberto, sono salvatore e vivo a Napoli, sn un estimatore di laurent perrier, e ultimamente gira voce che in giro X la mia città c’è prodotto risultate truffato o falso , il che mi frena un attimino nel l’acquisto, è vera asta cosa?!

    1. Difficile che L-P sia contraffatto. la contraffazione può essere a rischio su champagne tipo Dom Pérignon e Cristal, che sono molto più diffusi e costosi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *