Grandi Champagne 2018/2019 – Quarta Edizione

Guida alle migliori bollicine francesi in Italia di Alberto Lupetti

Edizione 2018-2019 della prestigiosa guida Grandi Champagne di Alberto Lupetti, guida alle migliori bollicine francesi in Italia.
La guida Grandi Champagne permette una conoscenza più approfondita del “mondo champagne”, tanto per i neofiti, quanto per gli appassionati.

Copertina Guida Grandi Champagne 2018-19

Ideata nel 2011 da giornalista Alberto LupettiGrandi Champagne si è da subito imposta all’attenzione per la nuova formula nell’ambito della guide vinicole: uno champagne per ogni pagina, con descrizione dettagliata, racconto della degustazione, foto a colori della bottiglia, indicazione della categoria di fruizione (AperitivoPer TuttiTavolaPiacereMiti e la nuova Appassionati) e punteggio in centesimi.

Il formato della quarta edizione è più grande: 168×240 mm (contro i 150×210 delle passate edizioni). Più pagine: ben 520! Ben 106 produttori recensiti e oltre 400 etichette. Tante anteprime mondiali.

La Guida in pillole:

  • Nuovo formato 168×240 mm
  • 106 produttori selezionati
  • oltre 400 champagne recensiti
  • tutti assaggiati!
  • 15 anteprime mondiali
  • Cuvée d’eccezione
  • 6 categorie di fruizione
  • Dettaglio di ogni champagne
  • Profilo di ciascun produttore
  • Prezzi da 25 a oltre 3.000 euro
  • Valutazioni da 85/100 a 100/100
  • Consigli di abbinamento a tavola
  • Indirizzi dei distributori italiani

Grandi Champagne – Edizione 2018-19

Guida alle migliori bollicine francesi in Italia [Copertina Flessibile]

Autore: Alberto Lupetti

Prezzo di copertina: 26,00 euro

Pagine: 520

Pagamento: Paypal (carta di credito), bonifico

Spedizione: Corriere Espresso SDA

Il Sommario della guida

Per dare un’idea degli argomenti e, soprattutto, dei produttori recensiti, ecco il sommario di Grandi Champagne 2018-19.

 

Sommario guida Grandi Champagne 2018-19

I dettagli che fanno la differenza

Ogni scheda dedicata ad uno champagne riporta molti dettagli. L’assemblaggio, la categoria, quattro indicatori grafici (fresco/maturo, secco/dolce, prezzo e il nuovo bere/cantina, che consiglia quando godere quello champagne: subito fino a quasi dimenticarlo in cantina).
Gli champagne che all’assaggio, anche a prescindere poi dal punteggio, hanno particolarmente “colpito” il panel, si fregiano, anche per questa edizione, del simbolo del calice stilizzato, liberamente ispirato al concetto di “Coup de coeur”. Altra novità: una breve sintesi di ciascuno champagne prima della scheda di degustazione.

pagina guida grandi champagne 2018-19

Acquisto Guida Grandi Champagne 2018-2019

La guida Grandi Champagne 2018-2019 è disponibile al prezzo di 26,00 euro. È ordinabile compilando il form sottostante.
Costo della guida: € 26,00 euro.
Costo spedizione (Corriere SDA): €  3,00

GUIDA Guida Grandi Champagne 2018-19 -> SOLD OUT

25 commenti su “Grandi Champagne 2018/2019 – Quarta Edizione”

  1. Salve ho acquistato una copia pagando con PayPal la scorsa settimana ma non ho ricevuto ne la guida ancora ne alcuna notifica via mail.
    Il mio nome é Jun Kobayashi

    1. Dovrebbero averla contatta dall’ufficio che si occupa della vendita. Ammesso che, nel frattempo, non abbia già ricevuto la sua copia…
      Grazie

  2. Buongiorno,

    Sono il signor Stroppa Andrea. Ho acquistato recentemente la Vostra guida sugli Champagne. Mi è arrivata proprio ieri e mi sono immerso completamente nella lettura. Davvero ben fatta!

    Proprio per il fatto che sia così ben scritta, volevo sapere se fosse per caso possibile ottenere una copia delle precedenti edizioni in modo da avere una visione più completa del mondo dello Champagne; sono un neofita e, avendo molto da imparare, una lettura come questa rappresenta sicuramente un punto di partenza fondamentale per me. Ho visto che sul sito sono tutte sold-out, dunque mi chiedevo se eventualmente fosse possibile ricevere una versione elettronica?

    Ringrazio per l’attenzione e porgo Cordiali Saluti,
    Andrea Stroppa

    1. Grazie! Mi fa molto piacere.
      Per le vecchie edizioni, so che le hanno già risposto. Vediamo cosa si può fare…

      1. Intanto grazie della fiducia!
        A breve ci sarà la pagina apposita per acquistare la Limited Edition 2020-21 ‘en primeur’, altrimenti a fine novembre uscirà la versione ‘normale’ di Grandi Champagne 2020-21

        1. Salve. Stavo guardando sul sito e volevo acquistare la nuova versione in edizione limitata.. ma potete spedire in Inghilterra? Grazie mille 🙂

  3. Buongiorno, ho acquistato proprio in questi giorni la vostra guida, decisamente ben fatta e migliorata (soprattutto esteticamente) rispetto alle passate edizioni, ho apprezzato particolarmente le indicazioni grafiche su costo, temperatura, tenuta in cantina e “dolcezza” (soprattutto).
    Tutto ciò premesso mi permetterei una domanda-critica (costruttiva)…perchè sono state escluse fra le tante maison recensite case importanti come Pommery o Heidsieck Monopole (che trovo buono come qualità prezzo) ?
    poi se posso…di tutte le maison non trova che sarebbe giusto avere la rensione dei sans annèe, che rappresentano i 2/3 di tutta la produzione di champagne ?
    …e per finire aggiungere qualche recensione in più nella categoria dei demisec (mi pare solo tre in tutto il libro !) ?

    d’accordo che certe maison “commerciali” e i s.a. saranno snobbati dagli esperti però sono il grosso della produzione e le bottiglie che si trovano nei supermercati (dove soprattutto in Francia si trovano degli ottimi prezzi, altro che le nostre esose e snobbistiche enoteche da cui mi tengo alla larga)

    1. Innanzitutto grazie della fiducia e dei complimenti!
      Venendo alle sue giuste osservazioni: la guida vuole essere una selezione degli champagne migliori, o, se preferisce, più interessanti presenti in maniera più o meno diretta sul mercato italiano. Infatti, non troverà punteggi inferiori a 84/100. È una mia scelta, che privilegia la qualità alla quantità. Pertanto, è normale che manchino alcuni nomi, a mio avviso molto meno interessanti di altri. Nello specifico, Pommery era presente nelle passate edizione, ma poi mi sembra abbia perso un po’ troppo la bussola, mentre Heidsieck Monopole non è più neanche l’ombra di quello che fu.
      Argomento demi-sec: è una categoria che sta scomparendo. Ingiustamente, certo, ma tant’è. Però, cercherò di mantenere la presenza dei più interessanti.
      Infine, non mi sembra che i brut sans année manchino in guida. Non rappresentano l’80% della guida com’è invece nella produzione totale di champagne, però deve anche considerare che, per dare brio e novità a ogni edizione, sono i millesimi a dover prevalere.

  4. Buonasera,
    Durante le vacanze pasquali vorrei fare un viaggio nella regione dello champagne e volevo chiedervi se fosse possibile avere alcuni consigli sulle cantine da visitare. Le tappe principali a cui avevamo pensato sarebbero le città di Épernay e Reims (che penso siano le principali per la produzione). So che li ci sono le grandi cantine come Moët et Chandon o Mumm, ma volevo chiedervi se c’era qualche altra sede, anche meno nota, che merita di essere visitata.

    1. Prima di pianificare, verifichi che le maison siano aperte nei giorni che le interessano, perché è Pasqua pure là…
      Ciò premesso, il mio consiglio è fare un paio di visite alle grandi (Mumm o Moet secondo le sue preferenze, ma vada anche da Taittinger perché le cantine sono forse le più belle) e anche uno o due ‘piccoli’ in modo da capire meglio com’è fatta la realtà champenoise. Quali? Dipende dalle sue preferenze, ma consideri che è sempre bene prendere appuntamento per tempo e che i piccoli spesso parlano solo francese.

  5. Buongiorno
    da domani saremo in Champagne chiaramente con in tasca l’ultima guida dei Grandi Champagne.
    Mi domandavo se tu potessi consigliarci qualche ristorante su varie fascie di prezzo (40/50- 80/10 senza vini) o qualche Bistrot magari anche per un pasto di mezzogiorno.
    Ti ringrazio anticipatamente!
    Luigi

    1. Mi viene in mente l’Henri IV ad Ay (sulla strada principale che va poi a Mareuil), ma controllate gli orari di apertura, perché a cena non è sempre aperto.
      Poi, che è una classicissima brasserie francese, Boulingrin à Reims, proprio a fianco dell’ex mercato coperto.
      Molto simpatico anche Comptoir à Bulles a Sacy, anche in questo caso controllate giorni e orari perché non è sempre aperto.
      Buon viaggio!

  6. Salve ho fatto qualche giorno fa la richiesta per avere la vostra guida pagandola con carta di credito ma non ho ancora ricevuto nemmeno una mail per la conferma del pagamento o della spedizione.

  7. Buonasera Alberto, innanzitutto complimenti per l’ottimo lavoro svolto, molto utile ed interessante ad un neofita come me. Mi sono avvicinato da un anno al mondo dello champagne e volevo chiederle un consiglio per approfondire questa passione. Come prima cosa mi sto leggendo attentamente la guida 2018/2019; saprebbe nel caso anche consigliarmi dei corsi o delle degustazioni Milano o Bergamo (o extra provinciali) per comprendere meglio questo mondo? Fiducioso di una sua risposta le auguro una buona serata

    1. Grazie!
      Il problema dello champagne è che i corsi specializzati sono veramente scarsi e, comunque, tenuti da chi non conosce approfonditamente lo champagne. Mi spiace, ma è la dura realtà.
      Per quanto mi riguarda, faccio alcune Masterclass con AIS Milano (e quest’anno anche con altre delegazioni della Lombardia), ma non si tratta di corsi generici. Dovrò proporre almeno una serata introduttiva…

  8. Buonasera,
    ho acquistato la nuova guida, che mi è piaciuta molto.
    Ho cercato inutilmente la recensione di Armand de Brignac, senza successo.
    Come mai non avete inserito questa famosissima marca?
    Grazie

    1. Mi fa molto piacere!
      Armand de Brignac? Era presente nella prima edizione, poi non più. È tutto marketing, che ingloba uno champagne decoroso ma del valore di 30 euro, non più…
      Mi spiace per gli amici di Cattier, anche se capisco che il business è business.

  9. ho ereditato una bottiglia di Piper da sei litri dell’anno 85 , molte persone mi hanno chiesto di venderla, ma è un ricordo di famiglia e non intendo farlo, e non saprei nemmeno che valore darle, mi rivolgo a lei in quanto esperto del settore, mi potrebbe aiutare nella valutazione ? grazie . Loredana Biadene

    1. Buongiorno. Parliamo di un millesimato 1985 o del Brut acquistato nel 1985? Mi scusi se glielo chiedo ma, se si trattasse del primo caso, sarebbe veramente una rarità, mentre nel secondo avremmo a che fare con un qualcosa di molto meno interessante. Il tutto sempre nella speranza che la bottiglia sia stata ben conservata…
      Riuscirebbe a mandarmi qualche foto alla mail guida@lemiebollicine.com ? Grazie

  10. Il link del corriere mi dice che l’indirizzo è sbagliato.. ho chiamato il servizio assistenza ma dice che il codice di tracciabilità non è associato a nessun pacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *